• Kasia Borowczak

Conversazione con Emma Conally-Barklem - insegnante di yoga e scrittore dall'Inghilterra

Kasia - Praticare yoga ti ha aiutato molto a superare la morte di tua madre. Vorrei saperne di più sulla tua esperienza di pratica dello yoga durante il tuo lutto e anche sulla tua idea di creare un programma di yoga per le persone che stanno attraversando la perdita di una persona cara.


Emma – Dunque, lo yoga era già parte integrante della mia vita e gli otto rami dello yoga sono una filosofia con cui cerco di vivere e da cui imparare. Quando mia madre è morta, ero, almeno per un anno, sotto shock per quello che era appena successo e ne avevo una serie di manifestazioni fisiche come difficoltà di respirazione, annebbiamento della mente e problemi di concentrazione. Il ramo che più mi ha aiutato è il quarto ramo dello yoga, il pranayama, che si concentra sul controllo del respiro. In quelle prime fasi, passavo molto tempo a inspirare ed espirare concentrandomi sul momento successivo, perché il dolore ti coglie a ondate. E anche il respiro è un'onda, quindi c'era una connessione tra ciò che stavo vivendo e come stavo cercando di affrontarlo. Quindi, respirando cercavo di passare da un momento all'altro e questo era cruciale per me. Inoltre è una cosa universale perché tutti respiriamo. Lo yoga si basa davvero su questa comprensione e ho trovato queste pratiche davvero confortanti e volevo trasmetterle ad altre persone in lutto. Le persone possono avere idee strane su cosa sia lo yoga, ma volevo che le pratiche fossero semplici in modo che potessero essere eseguite da una sedia o dal letto. Chiunque potrebbe farlo. Mi piace particolarmente la pratica che è come un auto-abbraccio. Fondamentalmente ti abbracci concentrandoti sul respiro che entra ed esce in modo da focalizzare sulla sensazione che da. Nel processo del lutto, c'è un'intensa sensazione corporea, spesso chiamata esperienza extracorporea. Lo yoga riguarda il ritorno al corpo e al respiro. C'è anche questo malinteso che lo yoga debba sempre essere calmo e che il respiro debba essere soave, ma in realtà c'è molta rabbia che emerge durante il lutto. Quindi ci sono altre pratiche di respirazione che sono piuttosto esplosive e riguardano il tirar fuori le cose. C'è una posa chiamata taglialegna in cui ti comporti come se stessi tagliando un pezzo di legno espirando con forza dalla bocca, piuttosto rumorosamente.La mia attenzione porta alle diverse emozioni che derivano dal dolore e al modo in cui vi si possono adattare le diverse pratiche. Ho passato le mie pratiche ai gruppi di lutto di Cruse nel nord dell'Inghilterra e alle persone che si offrono volontarie per prendersi cura dei dolenti per dare loro alcuni strumenti che potrebbero usare nel loro lavoro.


Kasia - Dopo la morte di una persona cara, molto spesso non abbiamo la forza mentale e fisica per fare nulla. Hai già spiegato come lo yoga può aiutare in questo periodo difficile ma quali sono i vantaggi di fare anche una sessione di yoga di 10 minuti?


Emma - Anche una sessione di yoga di cinque minuti ti mette in contatto con il respiro, perché questo è lo yoga. Senza il respiro, è solo esercizio. Coloro che attraversano un lutto sono molto bravi a torturarsi per il senso di colpa e per tutto ciò che avrebbero potuto fare. Lo yoga ti porta fuori dal passato, da dove stai andando e dall'incertezza di andare avanti senza la persona amata. Ti riporta solamente nel momento presente ed è lì che ti trovi, con il tuo respiro. Quindi anche solo cinque minuti di quella consapevolezza, la sensazione del tuo corpo che si muove nel tempo e nello spazio e che si connette con il tuo cuore fa la differenza. Questo importante ripristino può accadere in pochi minuti. Lo yoga collega tutte queste cose: respiro, movimento, mente, emozioni, quindi è uno strumento olistico, per affrontare il lutto nella sua complessità. Lo yoga è una definizione vasta. Connettersi con la natura è yoga, uscire a fare una passeggiata, osservare il cielo, le piante, gli animali pure è yoga.


Kasia - La respirazione è yoga, come hai detto prima, quindi possiamo praticarla in qualsiasi momento.


Emma - Lo yoga per me non è un esercizio. Fare esercizio è fantastico, ma lo yoga non è questo. È un percorso e una filosofia e per me è stata l'unica cosa che ha influito su aspetto di me stessa al contempo. Può aiutare essere nel presente. Immagina di essere a letto, di sentire le coperte e di avvertire la temperatura. Posso osservare i miei pensieri, le mie emozioni e posso respirare mentre lo faccio, in modo da non dover essere alla loro mercé. C'è una piccola distanza tra me e queste emozioni forti che sto provando in questo momento e lo yoga crea quello spazio con la respirazione.


Kasia - Avere questa sessione di cinque minuti può darti una pausa da quello che stai attraversando, dal tuo dolore e dalle emozioni travolgenti.


Emma - Sì, perché non ti danno tregua, vero? Quindi ti dà una sorta di piccola pausa da quell'intensità.


Kasia - Quando abbiamo parlato l'ultima volta, hai detto che una comunità online sul lutto ti ha molto aiutato a superare la morte di tua madre? Sapreste dirmi di più a riguardo?


Emma - Penso che sia semplicemente un'altra forma di comunità. Mi ha aiutato il modo in cui le persone lì dentro sapevano e spiegavano come mi sentivo. Mi sentivo abbastanza sola e cominciavo a giudicarmi pensando che forse avrei dovuto aver superato tutto questo ormai o che avrei dovuto essere più forte di com’ero. Tutte queste cose che ci vengono dette in quella che penso sia una società analfabeta sul lutto, su come andare avanti, far fronte alle avversità ed essere forti. La tua vera forza è essere in grado di sederti con i tuoi sentimenti e onorarli. Questi sentimenti sono così intensi all'inizio, che può essere una cosa spaventosa da fare. Quindi, quando è arrivata la pandemia e la mia attività ha chiuso, ho pensato che forse questo era il modo per rimanere in contatto con i miei studenti. Quindi sono andata su Instagram e sono rimasta sbalordita da quanto grandi erano le comunità del lutto che ho trovato, dalla loro conoscenza, dalla loro comprensione, dalla loro rabbia su quanto sia impreparata la società nel gestire una narrativa del dolore. Ed erano così brutalmente onesti a riguardo. Ci sono tante persone che si sentono a disagio con le conversazioni sul dolore, la morte e la perdita. Sono a disagio se piangi o se esprimi queste emozioni. Le persone hanno buone intenzioni, cercano di consolarti e alcuni potrebbero trovare queste parole confortanti, ma personlamente non ho trovato molto utile quando mi hanno detto "Tua madre non vorrebbe che tu fossi triste" o "Il paradiso ha guadagnato un altro angelo". aiuterebbe molto di più che le persone non cercassero di sistemare le cose ma che invece dicessero “qualunque cosa tu stia provando, va bene”. Altre frasi superficiali possono farti sentire come se stessi fallendo in qualche modo e ti sembra che servano al comfort di chi le dice più che al tuo. Le comunità online sono davvero di supporto, hanno fatto le loro ricerche e si basano sulla loro esperienza personale.


Kasia - Tua madre è morta tre anni fa e immagino che tu non sia la stessa persona ora. Stai agendo come un attivista del lutto, stai facendo del tuo meglio per migliorare la vita delle persone che stanno soffrendo perché sai quanto sia stata dura questa esperienza per te. Credo che tu non senta molto spesso questa domanda, ma vorrei chiederti come stai davvero dopo questi 3 anni?


Emma - Penso di aver davvero iniziato ad affrontare la cosa solo ora. Prima, a causa della pandemia, sono stata costretta a fermarmi. Sono stata costretta a smettere di viaggiare e lavorare. Sento che sto migliorando nell'affrontarlo, ma sto mi sento peggio di prima poiché la realtà dell’assenza di mia madre alla fine mi ha colpito.Sono più lontana nel tempo dall'ultima volta che l'ho vista questo lo rende più difficile perché questa è la mia realtà adesso ed è così che sarà. Sento che è ancora la cosa più dolorosa che mi sia mai successa.


Kasia - Grazie per aver condiviso questo con me. Volevo farti questa domanda per dimostrare che molte persone non staranno necessariamente bene dopo un anno. Per molte persone può sembrare che essendo già passati 3 anni, dovresti già sentirti bene. Sei un’attivista del lutto, sei attiva sui social media, lavori per un ente di beneficenza che sostiene le persone che stanno attraversando un lutto, quindi deve significare che ora l'hai superato. Volevo mostrare con questa domanda che il dolore è un processo lungo e individuale che coinvolge una moltitudine di emozioni.


Emma - Emozioni fortissime. Emozioni che ti travolgono e vengono fuori dal nulla. Penso che sia davvero importante avere persone intorno a te che ti supportano perché stare attraversare un lutto, in particolare durante un lockdown, è molto difficile. Se non ricevi supporto da familiari e amici, dovresti andare più in là: comunità online, consulenza psicologica. Usare tutte i mezzi che ti servono per affrontarlo. Tutto questo fa parte della salute mentale.

Penso che il lutto sia un processo davvero naturale. È solo che le persone lo sottovalutano, o semplicemente non parlano di come questo stravolge completamente la tua vita. E devi ritagliarti una nuova esistenza. Più le persone ne parlano e lo normalizzano, meno lo stigma sarà attaccato ad esso.


Kasia - Sono d'accordo. Più ne parliamo, più ci sentiamo a nostro agio con le nostre emozioni.


Emma - Perché ci sono emozioni sgradevoli là fuori. Ma è davvero importante che queste emozioni escano in modo sano. Penso che sia difficile per me perché quello che sto passando sembra una condanna a vita. Quindi, quando parlo con altri che hanno perso i genitori 15 anni fa, a volte mi chiedo: è così che mi sentirò tra 15 anni? Sono rimasta sorpresa dal fatto che il dolore mi abbia colpito di nuovo dopo tre anni perché pensavo di aver passato il peggio, e anche questa è una cosa scomoda da dire in questo momento perché sono trascorsi 16 mesi. Ma penso che le persone che sono nei primi le fasi hanno bisogno di sentirlo perché è importante trovare gli strumenti che aiuteranno fin dall'inizio perché sarà un processo che durerà tutta la vita.


Kasia - Hai perfettamente ragione. Essere consapevole di come posso sentirmi in pochi mesi o anni mi conforta perché so che c'è qualcosa che posso fare per me stesso per affrontarlo, in modo controllato.


Emma - Conoscere le cose che puoi fare per aiutarti e avere persone intorno a te che capiscono cosa provi conta davvero come metà della battaglia. A volte mi sento ancora sopraffatta, e so di essere una persona diversa. Ci sono persone che rivorrebbero indietro la vecchia me, ma non accadrà. È importante affrontare la realtà della nuova situazione e lo yoga può aiutare in quanto è una specie di viaggio nell'accettazione di sé. Non è facile, ma penso anche che ci sia una buona parte del dolore. Ci sono cose come questa, la nostra conversazione, e molte persone che cercano di aiutare. Amo anche l'umorismo nero di alcuni dei dolenti attorno a questo argomento. Una volta stavo scherzando con loro su tutti gli animali che pensavamo fossero i nostri cari, è stato davvero divertente. Quindi, in questo dolore, c'è speranza, gioia e un'indicazione del grande amore che hai sentito. Se non avessi sentito questo grande amore, allora non avresti dolore.


Kasia - Pensi che il tuo background culturale o la tua religione, se ne hai, abbiano plasmato il modo in cui hai vissuto la morte di tua madre? Pensi che abbia avuto un impatto sul modo in cui l'hai attraversato?


Emma - Sono di razza mista. Mia madre era caucasica dello Yorkshire e mio padre è giamaicano. In Giamaica la cultura del dolore è molto aperta. Dopo la morte di una persona cara, il corpo viene portato a casa per un certo periodo di tempo e ci sono circa tre settimane per bere, ballare, mangiare, piangere e conversare molto sulla persona cara. Le persone entrano ed escono, non devono essere invitate poiché la cultura giamaicana è molto rilassata. C'è questa comunità piena di attenzione e affetto. E qui è dove diventa complicato per me perché mio padre è venuto in Inghilterra quando era molto giovane, quindi è stato trapiantato fuori da quella cultura. La sua risposta è stata molto in linea con la risposta britannica o quella europea: non ne parliamo e non ci approcciamo al problema. Quindi mi chiedo, se fossi stata in Giamaica, sarebbe stata un'esperienza molto diversa? Per quanto riguarda la religione, sono cresciuta cristiana e credo nell'aldilà. Lo yoga non è una religione, è una filosofia. Puoi essere uno Yogi cristiano o uno Yogi musulmano. Non mi piacciono le etichette sulle religioni perché hanno molte somiglianze. Usano solo un linguaggio diverso che descrive gli stessi costrutti. Quindi, in termini di cristianesimo, penso che possiamo rivolgerci alla spiritualità. Penso sempre che l'energia continua, non muore mai, può solo trasformarsi. Ma allo stesso tempo avverto un conflitto. Stavo pensando tra me e me, “mi sto illudendo che lei sia intorno a me”? Ma d'altra parte, se può consolarti, non c'è niente di sbagliato in questo. Non avremo mai le risposte all'universo, quindi preferisco credere che lei sia in giro e che l'energia continui.


Kasia - Hai scritto un libro di memorie su tua madre intitolato “Non puoi abbracciare una farfalla: amore, perdita, dolore e yoga”. Sono curioso di sapere la storia dietro il titolo.


Emma - L'estate in cui è morta mia mamma, ero circondata da farfalle bianche. Per qualche ragione, nella natura, c'erano moltissime di queste farfalle in giro. Mentre stavo attraversando quel dolore viscerale, allo stesso tempo ero circondata dalla bellezza e queste farfalle, tanto che sono arrivate a rappresentare mia madre per me. E per questo, mi sono resa conto che ci manca la nostra madre “animale” o il padre “animale”. Ci mancano il loro odore, la loro voce e il loro abbraccio. Questo porta frustrazione e tristezza perché puoi vedere tutte le farfalle che vuoi ma non puoi ancora abbracciare tua madre. Ecco da dove viene il titolo. Sebbene le farfalle mi confortassero, non potevo abbracciarle. Penso che questa sia la realtà del dolore. Non importa quanto tu creda nell'aldilà, devi affrontare questa perdita fisica, “l'animale” che hai perso e questo è difficile.


Tradotto dall’Inglese da Federico Pruneti

 

Per saperne di più su Emma e il suo lavoro, visita il suo sito Web https://www.emmaliveyoga.com/ e il suo Instagram account @emmaliveyoga


Foto scattata da @zbalanceinlife