• Kasia Borowczak

Conversazione con Ganesh dall'India

Kasia - Potresti raccontarmi qualcosa sulle tradizioni in India, o nella tua regione riguardo alla morte e al morire? Quando abbiamo parlato qualche mese fa hai detto che una celebrazione funebre richiede diversi giorni.


Ganesh - Sì, ci vogliono circa 11, 13 o 15 giorni a seconda di chi è morto. In Europa ci sono le veglie funebri, vero? Abbiamo anche noi qualcosa del genere. Tutti vengono per mostrare rispetto alla persona che è morta. Prima di ciò, il corpo viene lavato, avvolto in un panno bianco e adagiato in una bara aperta. Solo il viso rimane scoperto in modo che tutti possano vederlo per l'ultima volta. La maggior parte degli indù viene cremata perché crediamo che bruciando il corpo liberiamo l'anima, che altrimenti vi rimane imprigionata. L'undicesimo giorno, c'è una celebrazione durante la quale la famiglia si riunisce per mangiare e per compiere una puja (*un rituale di preghiera).


Kasia - Se ricordo bene, nella tua regione, la tradizione dice che il figlio più giovane è incaricato di preparare il funerale di sua madre.


Ganesh - Sì, il figlio più giovane è coinvolto in alcuni rituali ma non prepara proprio il funerale. Deve camminare intorno al corpo della madre con un secchio d’acqua. Con le mani prende l’acqua e la cosparge sul corpo. Sono il figlio più giovane e l'ho fatto per mia madre quando è morta. Ecco perché conosco questa tradizione. Ho anche dovuto radermi i capelli. Ma ad essere onesti, non so perché lo facciamo. In realtà non ho mai scoperto il motivo di questo rituale. Quando chiedi agli anziani, ti danno un sacco di teorie diverse…


Kasia - Come ti sei sentito durante questo rituale?

Ganesh - Come mi sono sentito? È difficile da dire. Ovviamente, se avessi potuto scegliere, mi sarebbe piaciuto essere coinvolto nella decisione ma sentirmi dire d’un tratto che compierlo era mia responsabilità mi ha fatto sentire strano. Non ricordo cosa provavo sul momento perché è stata l'ultima volta che ho visto mia madre prima che venisse cremata ma, ovviamente, mi ha fatto piacere fare qualcosa per renderle omaggio, in qualche modo.



Kasia - Pensi che il tuo background culturale e la tua religione abbiano plasmato il modo in cui hai vissuto la morte di tua madre?


Ganesh - Non sono sicuro riguardo alla religione. Non sono mai stato molto religioso. Anche se credo che ci debba essere qualcosa di più grande, la mia mente razionale non si accorda con l'idolatria di qualcuno o qualcosa. Per ciò che riguarda la cultura, credo che questa giochi sicuramente un ruolo importante nel plasmare chi tu sia come persona e le tue convinzioni. Questo è ciò che ci distingue dagli altri. Giusto?


Kasia - Quindi come spiegheresti come la tua cultura ha plasmato il modo in cui hai affrontato il lutto?


Ganesh - Non credo che la cultura abbia strettamente qualcosa a che fare con il modo in cui affronti il dolore in sé. Alla fine, il dolore significa emozioni. Non posso dire che la mia cultura definisca le mie emozioni verso la morte di qualcuno, la mia felicità o qualsiasi altra cosa. Forse la cultura definisce solo come avviene l'intero processo. A parte questo, non credo che abbia alcuna influenza sulle emozioni o sulla loro espressione.


Kasia - Nel mondo occidentale gli uomini, che attraversano una crisi o qualcosa di difficile come la morte di qualcuno che amavano, non parlano delle proprie emozioni e delle difficoltà che stanno affrontando. È lo stesso in India? Gli uomini possono mostrare le proprie emozioni e parlarne?


Ganesh - Penso che sia lo stesso in tutto il mondo. Non credo che abbia molto a che fare con la religione o il paese. Quando gli uomini esprimono i loro sentimenti, le persone lo vedono come un segno di debolezza. Io non sono d’accordo. Secondo me, più sei forte, più sei capace di esprimere le tue emozioni. Penso anche che tutti possano simpatizzare con te, ma non tutti possono provare empatia con te. Credo che per essere davvero empatici bisogna essere anche forti.


Kasia - C'è stato qualcosa in particolare che ti ha fatto sentire meglio quando tua madre è morta?

Ganesh - L'avevo vista soffrire costantemente per sei o sette mesi. Non poteva più mangiare cibo e non poteva bere acqua. L'intero processo di vederla soffrire per tutto quel periodo di tempo è stato più doloroso del momento in cui è morta. Ovviamente il pensiero: "Sto perdendo mia madre" mi ha atterrito, ma allo stesso tempo ho provato una sorta di sollievo quando ho capito che non soffriva più.


Kasia - Quindi capisco che in una certa misura era più difficile vederla deteriorarsi, che vederla morire.


Ganesh - Di sicuro. Per tre o quattro mesi, abbiamo creduto occasionalmente che potesse riprendersi. Lei credeva anche che si sarebbe ripresa perché c'erano alcuni segni che le davano speranza. E poi, dopo aver subito un'operazione, il dottore ci ha informato che i suoi tumori si erano diffusi dappertutto e che non c'era niente da fare. Questo è stato il momento più difficile. Non potevamo dirle che...non potevo… Credo che quello sia stato l'unico periodo durante il quale non esprimevo le mie emozioni perché tutti a casa, mia nonna o la sorella di mia madre, crollavano e si disperavano e se avessero visto piangere anche me, questo li avrebbe schiacciati ancora di più. Piangevo da solo, quando ero per conto mio, ma davanti a loro cercavo di trattenermi il più possibile.


Kasia - E le persone in India parlano apertamente della morte e del morire? O è un argomento tabù? Secondo me, in Europa, facciamo ancora finta di essere immortali.


Ganesh - Non direi che è un argomento tabù. In realtà stavo parlando con qualcuno l'altro giorno della morte ideale - mentre dormi e non provi alcun dolore. Quindi ne parliamo. D’altra parte l'India è un paese più spirituale. Comunque anche qui tante persone dicono che è meglio non parlare della propria morte, perché può portare sfortuna ed è di cattivo auspicio.


Kasia - In Polonia e in alcuni altri paesi del mondo, c'è un giorno chiamato Ognissanti, che si celebra il 1° novembre, durante il quale le famiglie visitano le tombe dei loro parenti. Hai qualcosa di simile in India?


Ganesh - No, non visitiamo le tombe dei nostri parenti, perché non hanno un significato importante per noi. Questo perché bruciamo il corpo per liberare l'anima e poi disperdiamo le ceneri. Dopo la cremazione di mia madre, abbiamo portato le sue ceneri in un punto chiamato Rameshwaram. È dove il Golfo del Bengala si incontra con l'Oceano Indiano, e lì è dove abbiamo disperso le sue ceneri.


Kasia - Come sono cambiate le cose per te dopo la morte di tua madre?

Ganesh - Direi che il mio rapporto con alcuni membri della mia famiglia è cambiato. Soprattutto con mia nonna, la madre di mia madre, che ha assunto il ruolo di mia tutrice. Penso anche che la mia capacità emotiva sia aumentata. Ho sviluppato molta più comprensione verso cose come la felicità o il dolore. Ho anche imparato molto sull'empatia e queste cose alla fine hanno cambiato il mio modo di essere.



Kasia - Ho sentito una frase che mi ha fatto davvero ripensare alla mia vita 'Ognuno ha due vite e la seconda inizia, quando ti rendi conto che sei mortale'.


Ganesh - Siamo tutti qui per lasciare il segno. Credo che il nostro unico obiettivo su questo pianeta sia lasciare un segno sui nostri amici e sulla nostra famiglia.


Kasia - Hai cominciato a pensarlo prima o dopo la morte di tua madre?


Ganesh - Penso dopo.


Kasia - Immagino che molte persone dopo la morte di tua madre abbiano cercato di sostenerti. C'è stato qualcosa che ti ha contrariato, fatto sentire a disagio o deluso nel loro tentativo di consolarti?


Ganesh - Ovviamente c'erano alcune cose che mi irritavano, come le persone che dicevano che potevo chiamarli ogni volta che avevo bisogno di qualcosa e che scomparivano proprio in quel momento. Ricordo anche che non mi piaceva quando le persone dicevano alcune cose sulla morte in modo molto negativo, ma non riesco a ricordare quali fossero esattamente.

In realtà, abbiamo organizzato una serata, un paio di settimane dopo la sua morte, durante la quale la mia famiglia e i miei amici si sono riuniti. Abbiamo mostrato le foto di mia madre di tutta la sua vita e tutti quelli che sono venuti hanno parlato della loro esperienza con lei e di come ha influenzato la loro vita. È stato molto commovente per me. Non ho parlato quel giorno perché era troppo emozionante. Non sapevo come esprimere quello che provavo perché era tutto molto nuovo per me. Nel corso del tempo, ho capito cosa dovevo fare e cosa non dovevo fare per sentirmi meglio. Ad esempio adesso so che parlare aiuta sempre.


Kasia - Hai fatto qualcos'altro per commemorare tua madre?


Ganesh - No, non per mia madre, ma avevo un amico molto intimo che è morto in un incidente in giovane età. Aveva 21 anni. Era una persona che ha anche influenzato la mia vita in modo molto positivo. Ogni anno, per il suo compleanno, io e i miei amici andiamo a trovare i suoi genitori e li portiamo fuori a cena o gli portiamo una torta. Questo per dimostrare che loro figlio ha significato molto per noi. In fondo, se fosse ancora vivo, porteremmo lui fuori a cena.

 

Tradotto dall’Inglese da Federico Pruneti