• Kasia Borowczak

Conversazione con Krissi Driver dagli Stati Uniti che vive e lavora in Corea del Sud

Kasia - Come ti senti quando pensi o parli di tuo padre e della sua morte avvenuta più di 20 anni fa?


Krissi - Mio padre è morto nel 1996 quando ero bambina. È stato un momento davvero difficile per me e mi ci sono voluti più di 20 anni per chiudere completamente quella ferita. Quando penso a mio padre oggi, mi chiedo come potrebbero essere la sua e la mia vita se fosse ancora vivo.


Vorrei che mio padre fosse qui e che fossi stata in grado di avere una relazione con lui da adulta. Mio padre era molto divertente e faceva un sacco di cose strane. È cresciuto in una fattoria, quindi quando vedo i miei zii e le mie zie, spesso raccontano storie su mio padre da bambino o cose buffe che facevano insieme e quando sento quei racconti, vorrei solo avere l’opportunità di averlo qui nella mia vita da adulta.


Quando penso a tutto questo, non fa male come in passato, ma c'è un buco che non sarà mai completamente sanato. È una cosa che, invecchiando, ho imparato ad accettare.


Kasia - Ti piace parlare di tuo padre?


Krissi - Sì mi piace. Ho molto rispetto per lui. Quello che più mi piace di quello che so di lui, è che la passione della sua vita era lavorare con i bambini. Era un pastore e la domenica mattina organizzava una messa speciale per i bambini, e gli piaceva molto. Penso che sia il motivo per cui mi piace lavorare con i bambini ora. Probabilmente l'ho ereditato da mio padre e questo mi fa sentire come se avessi un legame speciale con lui.


Kasia - Quando abbiamo parlato l'ultima volta, hai detto che passare più tempo con la famiglia di tuo padre ti avrebbe aiutato nel tuo processo di lutto. Come mai?


Krissi - Per rispondere alla tua domanda, dovrò dirti cosa è realmente successo. Mio padre voleva essere un missionario cristiano da molto tempo. In seguito ad un suo viaggio nel 1995 durante il quale ha visitato alcuni amici missionari, nel 1996 ci siamo trasferiti in Lituania. A quel tempo, mio ​​padre era malato, ma tutti pensavano che avesse una semplice polmonite. Vivevamo in Lituania da circa 3 settimane quando mio padre ha avuto una crisi epilettica. Ho assistito all’evento e, fino ad oggi, è la cosa più spaventosa che abbia mai visto.


Il servizio di emergenza lo ha portato in ospedale e lì hanno scoperto che aveva un tumore al cervello. Dissero che non sapevano quanto fosse grave o da dove venisse, ma era maligno e non potevano prendersi cura di lui lì in Lituania. Dovevamo vivere lì per 2 anni, ma dopo 3 settimane siamo tornati negli Stati Uniti e ci siamo trasferiti nella piccola comunità agricola dove mio padre è cresciuto e i suoi genitori vivevano ancora. Poche settimane dopo, mio ​​padre morì.



Vivevamo a quel punto vicino alla famiglia di mio padre, quindi si potrebbe pensare che abbiamo passato molto tempo a elaborando il lutto insieme, ma in realtà non l'abbiamo fatto. Pochi mesi dopo la sua morte, finita la scuola, mia madre, mia sorella e io ci siamo trasferiti vicino alla famiglia di mia madre, e per tre o quattro anni non ho più visto la famiglia di mio padre. In parte ciò è successo perché sentivo che non potevo tornare dove sapevo che era morto ma anche perché non sapevo davvero come esprimere i miei sentimenti. Quindi è stata un'esperienza davvero di grande isolamento per me. Per di più,stavo entrando nella pubertà, con tutte le conseguenze di tipo emotivo che ne derivano. Anche la famiglia di mia madre non sapeva come aiutarmi, quindi mi sentivo come se non avessi nessuno con cui parlare, nessuno con cui capire il mio dolore, quindi ero sempre arrabbiata.


Penso che la rabbia sia una parte molto importante del dolore e del modo in cui soffriamo. E una parte non scompare mai del tutto. Ancora oggi mi arrabbio per le cose che mia madre ha fatto dopo la morte di mio padre. So che all'epoca aveva 34 anni e aveva perso il marito inaspettatamente. Non aveva un'istruzione universitaria, solo due anni alla scuola biblica, tutto qui. Non aveva un lavoro e due bambini piccoli da accudire. Non aveva idea di cosa fare e doveva essere terrorizzata.


Sua madre, mia nonna, ha avuto un ruolo molto importante nel modo in cui le cose sono state gestite subito dopo. Quando mio padre morì, convinse mia madre a venire a vivere con loro, escludendo il fatto che forse io e mia sorella dovevamo stare con la famiglia di nostro padre. Incolpo mia nonna più di mia madre per le mie difficoltà nell’affrontare il mio lutto, perché penso che mia madre fosse sola in questo momento di sofferenza e di smarrimento in cui non sapeva che cosa fare. Si è solo diretta verso quello che meglio conosceva.


Kasia - E tua nonna probabilmente non sapeva come meglio dare supporto a te o a tua madre.


Krissi - Giusto. Non è che mia nonna abbia fatto qualcosa in malafede, ma è stato decisamente egoista da parte sua. Anche lei non sapeva come affrontare la situazione e il suo modo per aiutarci è stato: "Vieni, ci penserò io ad aggiustare tutto". Mi arrabbio ancora per questo perché sento che quei primi anni prima che mia madre si risposasse mi siano stati in qualche modo rubati. Non posso farci nulla ora, ma è ancora qualcosa da cui probabilmente non guarirò mai del tutto. Mi dà fastidio che qualcuno abbia fatto delle scelte per me e probabilmente non erano le scelte migliori.


Vorrei aver avuto la possibilità di passare più tempo per affrontare il lutto con la famiglia di mio padre perché, nel mio dolore, non mi ero resa conto che anche loro stessero soffrendo. Nel 2015 sono andata al funerale di mia nonna - la madre di mio padre - ed essere lì a piangere con la mia famiglia e parlare di mio padre è stato davvero terapeutico. Non sapevo di averne tanto bisogno. La prima volta che sono stata con la famiglia di mio padre per Natale è stato quando vivevo negli Stati Uniti, nel 2017. Erano passati 21 anni da quando ero stata a una festa di famiglia. Ed è stato meraviglioso, ci siamo davvero divertiti. Amo stare con la mia famiglia. E penso che passare più tempo con loro sarebbe stata un'esperienza davvero positiva, anche se fossi dovuta andare senza mia madre.


Kasia - C'è stato qualcosa che ti ha aiutato a sentirti un po' meglio quando tuo padre è morto? Avevi un amico o un insegnante che ti sosteneva o un'attività che ti piaceva fare in particolare?


Krissi - Una mia insegnante quell'anno è stata fantastica. Lei stessa aveva avuto un tumore diversi anni prima e aveva dovuto subire l'amputazione di una gamba. Doveva essere vicina alla pensione. Penso che quell'esperienza, la paura e tutti quei decenni di insegnamento nella stessa comunità agricola l'abbiano aiutata a capire cosa stavo passando. Era paziente, gentile e amorevole. Mi ha davvero aiutato, più di quanto pensassi all'epoca. Penso a lei abbastanza spesso, in realtà.


Parte del motivo per cui mi sentivo così sola è perché non avevo nessun altro. Avevo dei compagni di scuola che avevo incontrato solo pochi mesi prima, ma non sono tornata a scuola per tre settimane dopo la morte di mio padre.


Kasia - E anche i tuoi compagni di scuola ti hanno incontrato la prima volta solo quando siete arrivati in paese perché tuo padre era malato, quindi non avete avuto la possibilità di conoscervi a fondo.


Krissi - Esatto. Loro avevano vissuto lì per tutta la vita, ma io no. Non si trattava del fatto che io non gli piacessi, quello non è mai stato un problema. Ma è stato difficile perché non avevo amici intimi che mi conoscessero bene. Poi ci siamo trasferiti, e tre anni dopo ancora e ancora. Quindi non ho mai avuto qualcuno che potessi chiamare “un vecchio amico”, qualcuno che potevo chiamare e dire "Sono in difficoltà". Inoltre non ero molto legata a mia madre e mia sorella. Quando ho iniziato l'università, ho trovato dei veri amici e anche se non credo di aver parlato con loro di mio padre, parliamo comunque di cose che sono importanti per me.


Kasia - Nel tuo commento al post riguardante il mio progetto su Folkalist Instagram, hai scritto che il dolore ci modella e rimodella in tanti modi diversi. Hai detto che anche se senti che il tuo processo di lutto è completato, provi ancora alcune emozioni quando pensi alla tua perdita. In che modo la perdita e il lutto ti hanno formato?


Krissi - La ferita della mia perdita è chiusa, ma c'è sempre una cicatrice, ovviamente. Quella non va mai via. Quindi quando parlo della mia esperienza penso principalmente alla rabbia e alla solitudine che ho vissuto. È un po’ come passare un dito su questa cicatrice e ricordare come ci si sentiva.


Nel corso degli anni, ho imparato di più su me stessa parlando con la mia famiglia e ascoltando le cose che faceva mio padre. Ascoltare queste cose mi ha davvero aiutata a connettermi con lui in un modo che non ero stata in grado di fare prima.


Riflettere su tutto quello che ho passato da giovane mi fa pensare che le nostre scelte ed esperienze ci modellano, ma quando invecchiamo e impariamo di più sulle persone del nostro passato, anche quelle che abbiamo perso, questo in un certo qual modo rimodella la nostra prospettiva. Ad esempio, penso spesso al mio lavoro e ai parallelismi che ho trovato negli ultimi anni con mio padre. Questo ha davvero cambiato la mia prospettiva sulle scelte che ho fatto. Ho capito che voglio essere più simile a mio padre, essere generosa di cuore e di spirito e rendere il mondo un posto migliore. Lui voleva fare tutte queste cose, anche se non l'ha mai detto ad alta voce.



Kasia - Hai detto che la tua famiglia era molto religiosa quando stavi crescendo. Potresti dirmi come la religione (il cristianesimo pentecostale) ha plasmato il tuo lutto?


Krissi - Sì, la mia famiglia era molto religiosa, ovviamente. La notte prima che mio padre morisse era Holloween. Da bambini, non ci era permesso fare dolcetto e scherzetto perché mio padre era un pastore, quindi se i suoi figli andassero a fare dolcetto e scherzetto, potrebbe sembrare brutto! Quindi la notte prima che morisse, eravamo tutti a casa. Abbiamo parlato molto apertamente del fatto che mio padre aveva il cancro, lo abbiamo visto perdere i capelli e prendere tonnellate di farmaci. Quel giorno mi ha chiesto "ti preoccupi per me?" Ho detto "", e poi ha detto: "Non devi preoccuparti. Gesù mi guarirà”. Il giorno dopo morì.


Sebbene mio padre avesse un cancro al quarto stadio, era assolutamente convinto che sarebbe guarito miracolosamente, che saremmo tornati in Lituania e che questo era solo un periodo di malattia. Era così che ne parlavamo a casa. Quindi lui che mi diceva che sarebbe certamente guarito, per poi morire meno di 24 ore dopo è stato il mio primo punto interrogativo nei confronti della mia religione. È stato come il primo segno per me che la mia religione non rifletteva effettivamente ciò in cui credevo. E devo dire che ho lottato molto con questo per molto tempo.


Kasia - So che vivi in ​​Corea del Sud da 8 anni, quindi volevo chiederti se hai notato qualcosa di particolare nell'approccio dei sudcoreani alla morte e al morire. Che differenze noti tra la tua cultura e la loro?


Krissi - Ci sono molte cose che i coreani sono molto disposti a condividere con gli stranieri, ma ci sono cose che vogliono tenere per sé. Il processo di morte e lutto è una di quelle cose. Quindi, ad essere onesti, non ne so molto.


Qualche tempo fa, sono andato alla visita funebre della madre di una mia amica. Aveva il cancro ed è morta in una casa di cura. Siamo andati in una stanzetta, nello stesso edificio, riservata solo alla sua famiglia, dove c'era una foto di sua madre e delle stuoie. Ci siamo tutti inchinati davanti all'immagine di sua madre nella foto. Esattamente 50 giorni dopo la sua morte, la mia amica si è ritrovata di nuovo con la sua famiglia per ricordare e celebrare la morte di sua madre.


Un paio di settimane fa, ho chiesto alla mia amica come stava ma credo proprio che non avesse idea di come rispondermi, perché la gente qui non lo chiede. Non parliamo spesso della morte e del morire in Occidente, ma qui assolutamente nessuno lo fa perché i coreani non parlano proprio dei loro sentimenti.


Tradotto dall’Inglese da Federico Pruneti


 

Krissi Driver è una freelancer e creatore di contenuti che vive in Corea del Sud. Insegna alle donne come cominciare un'attività di scrittura freelance attraverso un corso di 6 settimane in modo che possano integrare o sostituire il loro reddito di lavoro full time e costruire una vita che amano. Puoi scaricare l'ebook gratuito di Krissi, '7 Steps to Start a Profitable Freelance Writing Business', sul suo sito web, www.krissidriver.com. Trovala su Instagram @krissidriver.