• Kasia Borowczak

Conversazione con Shanice McLeish dagli Stati Uniti - autora di 'Grief on the Playground'

Kasia - So che hai scritto un libro per bambini 'Grief on the Playground' (it. 'Dolore nel parco giochi'), che uscirà a settembre. Perché hai deciso di scrivere su questo argomento? E perché, secondo te, è così importante parlare ai bambini della morte e del lutto?


Shanice - Prima di iniziare, vorrei ringraziarti per il tuo attivismo su questo tema e per aver pubblicato queste conversazioni. Ne abbiamo bisogno attraverso le generazioni, attraverso le culture e i paesi.

Quindi, tornando alla tua domanda, ho deciso di scrivere sul dolore perché non c'erano abbastanza strumenti educativi per guidare le persone su questo difficile argomento. Per me era davvero importante condividere questo per comunicare ai bambini che non erano soli mentre affrontavano la morte di un genitore, di un fratello o di qualcuno che amavano. Credo anche che sia importante normalizzare la conversazione intorno al dolore e alla morte perché è qualcosa che affrontiamo tutti, bambini e adulti allo stesso modo. Inoltre, da dove vengo io, i bambini vengono abituati a non esprimere i propri sentimenti e così imparano a tenersi tutto dentro. Per questo c'è un forte bisogno di parlare ai bambini del dolore e della morte e di dare loro spazio per capire ed esprimere come si sentono.


Kasia - Quali sono i bisogni dei bambini e degli adolescenti che stanno vivendo una perdita? Immagino che debbano essere molto diversi in questi 2 gruppi di età.


Shanice - Sottoscrivo quello che hai appena detto. Sono molto diversi e differiscono da bambino a bambino. Non c’è un bisogno unico che sia presente in ogni tipo di lutto. Cambia molto anche tra gruppi di età, per le differenze cognitive tra bambini e adolescenti.


Ad esempio mi è stato insegnato di non usare la parola "perdita" con i bambini piccoli. Se dici a un bambino di 5 anni: "Ho perso mia madre", questo bambino ti dirà: "Bene, vai a trovarla". Se dici la stessa cosa a un adolescente, capirà cosa vuoi dire.


Prendiamo poi l’esempio di un bambino di due anni che ha appena sperimentato la morte di una mamma nella sua vita. È molto comune per gli adulti intorno a loro supporre che essendo così piccolo, non ricorderà e quindi che starà bene, perché i bambini sono resilienti. Immagino che sia qualcosa che hai già sentito.


Kasia - Assolutamente.


Shanice - In realtà, è stata fatta una ricerca che mostra quanto questo sia lontano dalla verità. Il bambino era piccolo quando la sua mamma è morta, ma allo stesso tempo ha notato grandi differenze e cambiamenti nella sua vita. Sa che la mamma non c'è più e l'energia delle persone intorno è diversa perché sono in lutto.


Kasia - Come hai detto all'inizio, è fondamentale dare ai bambini una voce per capire come si sentono nel loro dolore e uno spazio sicuro dove possono parlare o non parlare se lo desiderano. Come iniziare una conversazione con un bambino in lutto?


Shanice - Di nuovo, è diverso da bambino a bambino, ma se ti avvicini alla conversazione con completa apertura e comprensione, questo è un ottimo inizio. Alcuni esempi che posso darti solo per iniziare la conversazione sono semplicemente: "Come ti senti?", "Com'è stato per te da quando tua mamma/papà/sorella/ fratello è morto?" o "Quali cambiamenti hai notato?". Incoraggio le persone ad avere queste conversazioni. C'è molto da imparare da loro. Sono cresciuta sentendo l’espressione: ”dalla bocca dei bambini”. E davvero i bambini hanno molto da dire, non si tirano indietro e ti dicono come stanno le cose. Questa è una cosa molto saggia e bella dei bambini.


Kasia - Deve essere un'esperienza che li fa sentire molto soli, quando i bambini decidono di nascondere tutto ciò che sentono e non vogliono condividere perché non c'è nessuno che voglia ascoltarli.


Shanice - Ti fa sentire sola e lo dico per esperienza. E credo che sia il nostro ruolo, assicurarci che non sia così.


Kasia - Allora cosa possiamo fare per sostenere i bambini? So che un modo è parlare con loro, ma cos'altro?


Shanice - Il miglior consiglio che posso dare su come le persone possono sostenere i bambini in lutto, è essere lì per loro, con loro. Questo include parlare con loro, ma si tratta anche di essere emotivamente e fisicamente disponibili. E, soprattutto, creare opportunità per ricordare, rivivere e condividere i sentimenti verso i propri cari.


Kasia - Quando un bambino sperimenta la morte di un genitore, il secondo genitore attraversa un grave lutto a sua volta, il che significa che, spesso, non ha spazio emotivo per supportare pienamente il bambino. Come incoraggiare altre persone, come amici di famiglia, vicini di casa o insegnanti, a intervenire, sostenere la famiglia e imparare a gestire il dolore di un bambino?


Shanice - Penso che la risposta più semplice sia portare consapevolezza normalizzando la conversazione, quindi normalizzando il dolore. Le persone che non hanno mai sperimentato una morte profonda nella loro vita non capiranno mai come ci si sente, ma possono essere empatici e trovare modi per sostenere il bambino, la famiglia o il secondo genitore. Ci sono una miriade di risorse là fuori e organizzazioni che mostrano come fare. Molte persone hanno solo paura di uscire e fare qualcosa di nuovo, qualcosa potrebbe farle sentire a disagio. Ed è qui che sta il problema. Bisogna infrangere queste barriere e affrontare tali conversazioni apertamente. E’ così che si può dare il miglior supporto.


Kasia - Vorrei chiederti se ti piacerebbe condividere la tua esperienza di perdita con me. Sono consapevole che la morte di tuo padre, avvenuta quando eri bambina, è probabilmente la più grande motivazione dietro il tuo libro.


Shanice - Lo è assolutamente. Mio padre è morto all’improvviso quando avevo otto anni in un incidente d'auto. Naturalmente non sapevamo che sarebbe accaduto, quindi non abbiamo avuto il tempo di prepararci. Onestamente, Kasia, a otto anni capivo cosa stesse succedendo ma allo stesso tempo non lo capivo. La mia reazione, in quel momento, quando ho saputo che mio padre era morto, è stata quella di chiudermi in me stessa. Il giorno dopo, in realtà, sono andata a scuola e ho iniziato il mio primo giorno di quarta elementare.


Kasia - Non riesco nemmeno a immaginare come ti sei sentita quel giorno.


Shanice - Non è stata certo una buona giornata per me. Ricordo che il mio padrino, che era un nostro vicino, mi portò a scuola e parlò con la mia insegnante. Nel libro vedrai tanti riferimenti a quel giorno. Mentre parlava con l'insegnante, ero seduta lì in classe e ho iniziato a piangere perché non volevo essere lì. Il mio libro è una sorta di compendio su ciò che avrei voluto che i miei insegnanti avessero fatto per me quando avevo otto anni e mostra quanto sia importante per gli educatori sentirsi a proprio agio nel parlare della morte ai bambini. Nello stato in cui vivo, la Georgia, negli Stati Uniti, 1 bambino su 13 subisce la morte di una persona vicina prima dei 18 anni. Se hai una classe di 30-35 studenti, 2 o 3 di loro la sperimenteranno. Quindi è importante parlarne. Non ho imparato ad affrontare il lutto perché nessuno me ne ha parlato o ha voluto discutere con me su come mi sentivo. E così è stato fino a 10 anni dopo, quando avevo 18 anni. È stato allora che ho notato che avevo difficoltà ad affrontare molte cose e non riuscivo a capire perché.


Mi ci è voluto un po' per vedere che a causa del fatto che non avevo elaborato la morte di mio padre, avevo sviluppato la tendenza ad affrontare le cose in modo negativo. Quando ho preso la decisione di confrontarmi con la morte di mio padre, ho trovato un'organizzazione per il lutto con cui alla fine mi sono offerta di collaborare come volontaria. In effetti, questa settimana farò volontariato per la stessa organizzazione e porteremo i bambini in un “ritiro del lutto”.


Kasia - Un ritiro del lutto?


Shanice - In realtà li portiamo in campeggio e passiamo l'intero weekend a divertirci ma allo stesso tempo a elaborare il dolore, condividere ricordi e costruire relazioni reciproche. Cerchiamo di dare loro anche lo spazio per piangere e appoggiarsi a noi adulti.


Kasia - Quanti anni hanno i bambini?


Shanice - Tra i 5 e i 18. Quest'anno ho un gruppo di ragazze di 10 e 11 anni.


Kasia - Hanno tutte subito una perdita?


Shanice - Sì, tutte.


Kasia - Sto pensando ora a tutti quei bambini che stanno attraversando una perdita e che non avranno uno spazio come questo per parlare del loro dolore. Il tuo tempo, la tua attenzione e la tua esperienza, durante questi ritiri, possono davvero cambiare il modo in cui i bambini affrontano il loro dolore.


Shanice - Grazie. Ad essere onesti tutti piangiamo molto durante quei campi, ma sorridiamo ancora di più.


Kasia - La mia ultima domanda riguarda il tuo background culturale e il tuo approccio alla morte e al dolore. Sollevo sempre questo argomento in ogni conversazione perché sto cercando di scoprire come le persone in tutto il mondo lo affrontano. Vorrei anche scoprire se le persone nel vostro paese, gli Stati Uniti, parlano apertamente di questi argomenti e di come sostenere gli altri in questo processo. Sono consapevole che il tuo paese è molto grande, quindi non dovremmo generalizzare ma forse hai notato una tendenza o qualcosa del genere?


Shanice - Sono nata e cresciuta a Miami, in Florida, ma sono cresciuta secondo i valori delle Indie Occidentali e degli ispanici. La mia famiglia viene dalla Giamaica e da Cuba e mi ha insegnato il valore del duro lavoro, della determinazione, della gentilezza e della condivisione dell'amore ovunque tu vada. Sono grata per questo perché, secondo me, la mia esperienza culturale e il mio background mi hanno permesso di essere lì per ogni bambino che si trovava ad affrontare un lutto, di offrire supporto in vari modi e garantire che ogni bambino avesse una voce in quei momenti.


Negli Stati Uniti, le conversazioni sulla morte e il lutto stanno effettivamente iniziando ad essere più comuni. La pandemia di coronavirus ha dato una spinta perché ci ha messo ancor di più di fronte alla morte. Sono fiduciosa che le persone gradualmente terranno più conversazioni in quest'area, ma fino ad allora, sta a noi parlare e mettere in luce la necessità di riconoscere il dolore dei bambini. A proposito, agosto è il mese della consapevolezza del dolore. Prima del COVID, questa iniziativa non era molto conosciuta in quanto non era sui telegiornali o cose così. La situazione è cambiata a causa della pandemia e ad alle vite che si è portata via. E oltre al dolore, il concetto di salute mentale ha assunto molta importanza adesso. Sono molto lieta di osservare tale tendenza perché i due argomenti sono strettamente intrecciati e questo è stato un nuovo punto di partenza per noi.


Tradotto dall’Inglese da Federico Pruneti

 

Per saperne di più su Shanice e il suo lavoro, visita il suo sito Web, il suo Instagram account e il sito di Amazon dove dove puoi acquistare il suo libro.


www.grievingit.com


- IG: @grievingit

- IG: @griefontheplaygroundthebook


https://www.amazon.com/Grief-Playground-Shanice-McLeish/dp/1736898701/ref=sr_1_3?crid=3OGEWH64TOJZ0&dchild=1&keywords=grief+on+the+playground+book&qid=1631204495&sprefix=grief+on+the+%2Caps%2C156&sr=8-3